Chiama OraCorsi
zombie che vanno a comprare
Ottobre 10, 2016

Quando mi servono clienti? Non serve fare il corso di marketing io faccio i buoni GROUPON!

Quando mi servono clienti? Non serve fare il corso di marketing io faccio i buoni GROUPON!

La cosa bella di realizzare un corso di marketing in Sicilia è quella che posso parlare la mia lingua.

Tu fai pubblicità con Groupon o vendi su Ebay? T’ANA A MANCIARI I CANI!!!

La pazienza ha un limite, ti rispondo con una frase che ho sentito dire in spiaggia, ovviamente in dialetto ad un figlio irrequito da un padre esasperato ” suddu u fai ancora ti giru na timpulata ca t’arrisvighi po luni ri Pasqua”.

Adesso mettiti davanti uno specchio e ripeti ogni mattina la frase: “il marketing lo devo conoscere,il marketing lo devo conoscere,il marketing lo devo conoscere”, ecco ripetilo almeno dieci volte e guardati negli occhi.

Io non so se c’è un altro corso di marketing in Sicilia, se proprio non vuoi frequentare questo, informati cercane degli altri, e cerca di capire che non puoi dare le chiavi della tua attività ad altre persone, senza sapere ciò che loro fanno dei tuoi soldi.

Fai pubblicità con Groupon Grupalia, vendi su Ebay, Amazzon,Subito? Allora preparati ad avere clienti vampiri che ridurranno la tua attività o il tuo locale un ritrovo di morti di fame.

uomo che ostenta il crocifisso in mano vade retro foto nel corso di marketing

Vade retro clienti vampiri corso di marketing

Cerco di essere diretto, per spiegarmi meglio.

L’obbiettivo che tu vuoi realizzare è quello di fare pubblicità “facendo provare a prezzo di costo”, il tuo prodotto, il tuo servizio o la tua terapia, con la speranza che i clienti, i pazienti o gli studenti, ritornano a comprare dopo a prezzo pieno, giusto?

“SBAGLIATISSIMO” Ora provo a spiegarmi meglio.

Se il tuo obbiettivo è: “catturo i clienti nuovi Front -end e poi una volta che diventano clienti li faccio ritornare di nuovo”, stai solo bruciando i tuoi soldi.

“Questa strategia la realizzi solo se ti rivolgi ad un Target specifico, cioè ad un tipo di clientela specifica che vuoi attrarre”.

La trappola di queste iniziative promozionali è proprio il Target, solo gli esperti di marketing a risposta diretta ne capiscono la differenza.

Quindi se vuoi essere efficace prendi carta e penna e disegna il tuo Target:

  1. Zona di residenza, se faccio corsi a Ragusa non faccio pubblicità a Verona.
  2. Se il mio obbiettivo è promuovere lingerie punto alle donne, potrebbero esserci anche uomini interessati, in questo caso vanno considerati nella stessa categoria.
  3. Fascia di età, se devo promuovere una discoteca punto ad una determinata fascia di età per ogni serata che propongo, anni 70/80 oppure musica live.
  4. Credo religioso, magari se vendo carne di maiale o voglio pubblicizzare un wine bar escludo un determinato tipo di credo religioso
  5. Fascia sociale, stabilisco se punto al Vip, alla classe media, oppure al pensionato con la minima, quindi farò pubblicità al Resort 5 stelle, al campo di Calcio oppure nelle chiese.
  6. Fascia culturale, scolarizzazione cioè mi rivolgo a laureati, diplomati o persone con la 5 elementare, cambierò il livello comunicativo, cioè adeguerò il linguaggio.

Ti do questa notizia, più definisci il tuo targhet, più sarai efficace nei sistemi di marketing e di vendita professionale.

Finito questo esercizio, la mattina davanti allo specchio dopo aver ripetuto la frase marketing lo devo conoscere per dieci volte, fai lo stesso con la frase “oggi mi rivolgo al mio target”.

Ma ritorniamo a Grupon, cosa ti succede se metti in circolazione quei maledetti buoni?  Stai dicendo ai poveri disgraziati, vieni che qui si mangia allo stesso prezzo della Caritas!

Immaginati adesso la scena:

  • Il ristorante pieno di quelli che vanno a caccia dello sconto, cucina in tilt cuochi e camerieri nevrotici.
  • Clienti che sanno di stare seduti vicino a persone che mangiano gratis o quasi mentre loro pagano a prezzo pieno e in più devono aspettare ore, perchè la tua cucina è in tilt.
  • Se il target che cerchi è quello dell’Avvocato di Grido, dell’Onorevole che mano le cenette intime e riservate, con Groupon hai ottenuto l’effetto opposto, hai riempito il ristorante di famiglie numerose che mangiano la margherita in tre e si portano la Coca della Despar casa.
clienti ad un ristorante si lamentano con la titolare indicando il piatto

Clienti arrabbiati corso di marketing

 

 

 

 

 

 

 

Quindi funziona Groupon? certo che funziona, se regali il cibo ti troverai il ristorante invaso. Ma non dal tuo target, cioè non dai clienti che cerchi e che vorresti tu.

  • Il target degli avvocati, dei professionisti, cioè di quelli che hanno i soldi da spendere, Non viene mai più nel tuo ristorante.
  • Il tuo target se ne frega alle offerte di Groupon anzi le evita.
  • A prescindere dal titolo, quello che cerchi tu non è un “cacciatore di offerte Groupon”
  • Il tuo target non le sopporta neanche
  • Il tuo target ama esibire ciò che ha, compra il Rolex e non la patacca imitazione del Rolex
  • Il tuo target non frequenta i siti come il mio volantino o Groupon
  • Il tuo target piuttosto che sentirsi un pezzente, ovviamente stiamo parlando di uno che si vede così, non andrebbe mai al ristorante per consegnare i buoni sconto per pagare, esibisce una American Express Platino.

Conosco persone che piuttosto vanno in giro con i denti cariati, ma ostentano auto mega galattiche e li tirano fuori solo per esibirsi.

I clienti Groupon? sono come i camaleonti che si nascondono dietro le saracinesche dei negozi e sono pronti a scattare non appena aprono i saldi, anzi per definirli meglio sono quelli che negli outlet ci vanno solo quando finiscono gli sconti e ci sono le rimanenze.

I clienti Groupon non sono clienti che poi tornano a comprare merce a prezzo pieno.

Sono come “spazzini” liberano i magazzini dalle rimanenze.

Inoltre gli sconti aperti a tutti, non servono ad attrarre il tuo target ideale. Per attrarlo devi prima farlo sentire appartenente al tuo mondo, poi ti rivolgi a quel target e proponi un qualcosa di speciale personalizzato per loro.

Se tu fai gli sconti aperti a tutti attrai il target sbagliato e perdi i tuoi clienti migliori.

Al tuo target dà fastidio fare la coda insieme a persone di un altro livello sociale, che sono lì solo come “cacciatori di saldi”.

Il tuo target ti conosce e si sente un super cliente, si sente quasi sponsor della tua attività.

Il tuo target si sente truffato dal buono sconto che Groupon che gli ha messo in mano per mangiare perché il prezzo di favore lo dà per scontato.

Hai ragione, se ti sembra che parlo ostrogoto è perché non hai ancora frequentato il corso di marketing e di vendita professionale, quindi al momento per te l’unica cosa che ti porta dentro i clienti, o i pazienti è il prezzo, o meglio il risparmio rispetto ad un altro professionista o prodotto analogo.

Il Prezzo più basso, cioè il risparmio, detto in altre parole quel dannato volantino che ti mettono in mano è solo una delle tante motivazioni di acquisto delle persone.

Adesso puoi anche non crederci, il risparmio per il tuo cliente è l’ultima che ti deve interessare.

Se per esempio io sono un fisioterapista e Il mio target sono gli Onorevoli, gli Avvocati di grido, i Professori universitari, e voglio crearmi una offerta rivolta a loro, io non do a loro in mano uno sconto per una seduta di massaggi gratis della Groupon, ma creo un regalo in uno scrigno col fiocco per la serie “Solo per te che sei tra i nostri 12 migliori clienti un evento speciale con trattamenti esotici e massaggiatrici Tailandesi”. Quindi da Onorevole, da Giudice o da Professore Universitario sono cosciente di essere considerato e trattato come il migliore Vip tra i Vip.

Se tu metti in mano al tuo target lo sconto aperto a tutti stile Groupon, ottieni l’effetto opposto cioè quello di essere considerato un morto di fame, uno di quelli che non ha i soldi per farsi fare i massaggi a prezzo pieno.

Se ti va bene, il tuo sconto che il Vip percepisce come… merda… se lo sarà preso il portaborse, il ragazzo delle raccomandate o l’infermiera, se questa cosa viene percepita male avrai perso per sempre il tuo miglior cliente Vip.

Adesso è arrivato il momento che ti fissi i concetti base in testa.

Concludendo, se vuoi vendere alla giusta categoria di clienti, devi essere in grado di riconoscerli e catturarli con le corrette strategie di Marketing e di vendita professionale, quindi fequenta un corso di marketing in Sicilia o dove vuoi tu.

Se invece continui a pensare che più sconti fai, più clienti ti arrivano, ti stai costruendo un mondo di zombie che ti porterà dritto al fallimento.

Il bello è che ora lo sai e puoi scegliere da solo.

Iscriviti all’Univesità Popolare degli Studi Siciliana.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *